ROMA | Stadio di Domiziano
25 Nov 2017 - 10 Gen 2018

TERMINE DELLE CANDIDATURE PROROGATO AL 15 OTTOBRE 2017

Daniele Calvani

Superficie tattile n. 13

 

Superficie tattile n. 13

Tactile surface n. 13

Con quest'opera il mio intento era quello di giungere all'astrazione attraverso lo scatto analitico.  

With this worrk my intent was to reach abstraction through the "analytic shot"

NOTA BIOGRAFICA DELL'ARTISTA:

Daniele Calvani nasce a Lugagnano Val D’Arda il nel 1967 e risiede a Massa. Da sempre appassionato d’arte, si è dedicato per anni - seguendo svariati corsi in Italia - alla pittura iconografica. Dal 2005 si è avvicinato alla fotografia e solo dal 2014 ha approfondito la tecnica dello scatto con la macchina fotografica in movimento. Una tecnica che permettere di giocare ed improvvisare con la massima libertà con il colore, ricorrendo a quella sovrapposizione di immagini fotografiche - si legga sovrapposizione di strati di colore - verso la creazione dell’opera finale, tipica del lavoro pittorico (in particolare di quello iconografico). Già finalista del Premio “Arte” 2015 (rivista ”Arte” - Cairo Editore) e protagonista della mostra tenutasi al Palazzo della Permanente di Milano nell’autunno dell’anno scorso, Daniele Calvani, lavora con diverse Gallerie d’Arte (sempre a Milano nel marzo del 2016 si è tenuta la sua prima personale presso la Galleria D’Arte Statuto 13 intitolata “Contest”). A giugno del 2016 ha esposto con la Galleria Palma Arte di Piacenza a A.A.F. di Hampstead Park a Londra. Nel maggio del 2017 si è tenuta la sua seconda personale presso la Galleria Palma Arte di Piacenza. Sono seguite diverse collettive tra cui: maggio 2017 Galleria ZeroUno di Barletta; settembre 2017 “Il fascino dell’Indefinito” – Simultanea Spazi D’Arte di Firenze; ottobre 2017 “Artworks Connection” – Galleria Rosso Cinabro, Roma.


DELLO STESSO ARTISTA:

Superficie sospesa n. 5